Translate

La piazza, dalla caratteristica forma trapezoidale, è costituita da due aree che si ricongiungono l'una con l'altra, senza soluzioni di continuità, dinanzi al sagrato della cattedrale. L'area principale della piazza è compresa tra la fiancata meridionale destra del duomo, la facciata principale di palazzo Aldobrandeschi e il loggiato dei portici che si articola senza soluzione di continuità sul lato meridionale e su quello occidentale. Al centro di un'area leggermente rialzata, sotto la quale si trovava una cisterna, si trova il monumento al granduca Leopoldo II di Lorena, che sorge nel punto dove nei secoli scorsi doveva essere presente il pozzo della corrispondente cisterna sottostante. L'area che racchiude la cisterna interrata è delimitata da una serie di colonnini e catene, che hanno portato i Grossetani a denominare "piazza delle Catene" questa sezione di piazza Dante.L'altro spazio di superficie minore, piazza Duomo, che la costituisce, si estende tra il sagrato della cattedrale, il palazzo Comunale e il Palazzo Alben, edificio con loggiato che venne costruito negli anni immediatamente successivi alla seconda guerra mondiale al posto dell'antico palazzo dei Priori. All'estremità settentrionale della piazza ha inizio corso Carducci, principale via del centro storico che conduce fino all'area di Porta Nuova; all'estremità sud-orientale della piazza ha origine strada Ricasoli che conduce a piazza del Sale dinanzi a Porta Vecchia.